Banner
Lunedì, 17 Settembre 2012 16:37

Il Bologna Chapter al Faaker See 2012

È bello divertirsi scorazzando in moto tutta l’estate, accarezzando i tanti sogni, ma tenendo fisso lo sguardo della mente su di un pensiero.
L’aspettativa dei primi di settembre per un Biker racchiude un pensiero tutto rivolto ad un sublime viaggio: l’Austria, la verde Carinzia, il Faaker See, uno degli appuntamenti più atteso dell’anno. Guai mancare! Andarci anche solo un giorno, ma la tua Harley deve percorrere ad andatura lenta da conquistador il sinuoso manto di asfalto che si snoda tra laghi argentati, abeti, villaggi e gente festante: tutto questo per poter dire che sognare ad occhi aperti è possibile, per poter dire a chi non ha partecipato “non sai cosa ti sei perso”!
Il mio Faaker, il decimo, fatto di fretta con solo un giorno e mezzo da dedicarvi, è stato però intenso e l’ho centellinato, assaporando, secondo dopo secondo, tutto quello che mi circondava ma con rammarico, perché avrei voluto restare ancora. Restare per poter gioire della compagnia di amici fantastici, vecchi e nuovi: Roger e la Raffa, Zunto e la Betty, il Tazzi, Stefanone, Barabba e la sua splendida compagna Juliette e tanti altri. Questi menzionati non sono altro che una piccola parte degli oltre 80 amici che con i colori del Bologna HOG Chapter hanno sfoggiato le loro Harley-Davidson assieme ai 100 mila bikers che hanno reso grande il Faaker See 2012! Tutti indistintamente possono dire: il prossimo anno sarà ancora meglio… ed io ci sarò!

Pubblicato in HOG Life
Lunedì, 04 Giugno 2012 17:54

Il Bologna Chapter al Tuscany Rally 2012

Appuntamento alle 9. Svolto a destra, poi a sinistra. La via è deserta: “Ma come, non c’è nessuno? Sono il primo!”
Mi avvicino al parcheggio designato per l’incontro e un mare di moto si palesa davanti agli occhi… ma quante sono? Mi suggeriscono 75 moto… ottimo inizio!
Un incandescente Harley-Davidson Bologna Chapter in partenza per il Tuscany 2012, una presenza che di certo non passerà inosservata.
Ore 9,30: il Road Captain Tullo da il via. Sosta al passo della Raticosa con un freddo acuto e concreta minaccia di pioggia, chi nelle borse aveva anche solo una sdrucita maglietta conservata per lustrare le cromature ho visto indossarla per attutire il vento gelido!
Fortunatamente scollinando verso Firenze tutto è rientrato nelle medie stagionali, quindi al galoppo, direzione Panzano in Chianti: “Cecchini stiamo arrivando!”
Ciccia e vino ci attraggono magnetizzando le nostre Harley come una calamita attrae un lucido e cromato amuleto di acciaio.
Dopo il “pranzo frugale” via verso Montecatini, dove migliaia di bikers hanno popolato anche quest’anno il grande evento toscano.
Tuscany Rally 2012… che organizzazione! Siamo giunti nel pomeriggio inoltrato, percorrendo le tipiche strade toscane, sinuose e disegnate con maestria.
Il resto è storia: un po’ di pioggia e squarci di sereno, ricca cena, canti e balli, birre e brindisi hanno amalgamato 110 bikers del Bologna Chapter, risultato il gruppo più numeroso, con 16 Chapter provenienti da tutta Italia. Nessuno tuttavia ha potuto vantare un grande Federico Rossi, il nostro organizzatore ed un grande Giulio Lesi, il nostro grande gladiatore.

 

 

Pubblicato in HOG Life
Domenica, 25 Dicembre 2011 21:43

Bologna HOG Chapter - Festa della Pezzatura

Festa della pezzatura,  “ in anno domini ”.. 16 Dicembre 2011.
La pezza, quel grande baffone nero con la scritta “Bologna Chapter Italy” in oro che si applica sulla schiena, per noi molto ambita ed attesa, è una mano che ci protegge, ci unisce e ci eleva.
Come tutte le cose che hanno valore occorre meritarle con sacrificio.
Dopo averla meritata con l’anima sulla strada, bisogna meritarla col corpo e lo spirito… nell’arena!
L’antica Roma è stata la location 2011 della tradizionale, insostituibile, originale festa della pezzatura.
160 biker del Bologna Chapter si sono accalcati bramosi attorno alla cupa arena patibolare, dove 17 impauriti pezzandi si disponevano per avere, appunto, la pezza.
Si percepiva odore di paura e di rispetto: paura di non riceverla e di rispetto davanti ad un simbolo così agognato. Pollice sollevato: ”sono salvo, avrò la pezza!”.
Relais Bellaria di San Lazzaro, sala gremita trasformata in Circo Massimo.
Personaggi ed interpreti in ordine di apparizione:
il magico narratore: Baccus Bella Puppis
i senatori, incorruttibili arbitri
Imperatore maximo: Cesare Stefano Martellus
dio dell’Olimpo: Gabrius Funi Deus Maximum
le vestali dolci e caritatevoli
le tigri sinuose e fameliche
i pezzandi: Luca Raguseo, Marco Venturi (HarleyCuster), Luigi Borzachelli (Borza), Ernesto Castelli (One), Massimiliano Arceri (The Rapper), Alessandro Celli (Alex), Stefano Vignali (Stefanone), Nicolò Trombetti, Luca Sancini (Sancho),
Bruno Baldini (Barabba), Riccardo Rondelli (Rong), Carlo Fontanini (Little John),
Nico Ghelfi, Raffaello Stracciari (Lello), Giancarlo Costi (Caldo),
Michele Ghedini (Michey Boy), Biagio Mastrorilli
il comandante capo dei centurioni: Giulius Lesius Magnificum
i sanguinari centurioni
i fustigatori
Musiche e colonna sonora: DJ Gazzus Quel Gazzus di DJ
Luci e colori: gli occhi di tutti i presenti lucidi di gioia
regia di Giulione e di Bella Puppi
Che festa Ragazzi… un vero film!
Pubblicato in HOG Life
Giovedì, 22 Settembre 2011 09:16

Il Bologna HOG Chapter al Faaker See 2011

Avere una mamma di 92 anni è una bella soddisfazione.
Come avere un vaso di porcellana molto delicato, occorre tenerlo protetto e pieno di attenzioni: basta poco e si può scalfire. Con una mamma di tal veneranda età, a volte, i programmi possono subire variazioni.
Ma, pur di non perdere il Faaker See, anche una semplice andata e ritorno può appagare. Così mi ritrovo ad affrontare il Faaker in solitaria in sole 12 ore.
820 km, Bologna - Villach - Bologna;  8 ore circa tra andata e ritorno ed il resto a passeggiare tra gli stand del villaggio Harley e tra la moltitudine di bikers che già il Mercoledì vagava curiosando per banchi e banchetti. Solo un matto come me poteva affrontare una gitarella del genere, ma la passione ha pagato il conto.
Il resto della truppa del Bologna HOG Chapter ha diviso le partenze in più scaglioni tra giovedì e venerdì, fino a raggiungere il sabato ben oltre 70 presenze, e quanti giovani! Tutti curiosi di rendersi personalmente conto ed appurare che i racconti fatti dai più vecchi erano veri: il Faaker è magico, il Faaker non si può raccontare, bisogna viverlo.
Avere una mamma di 92 anni è una bella soddisfazione.
Come avere un vaso di porcellana molto delicato, occorre tenerlo protetto e pieno di attenzioni: basta poco e si può scalfire. Con una mamma di tal veneranda età, a volte, i programmi possono subire variazioni.
Ma, pur di non perdere il Faaker See, anche una semplice andata e ritorno può appagare. Così mi ritrovo ad affrontare il Faaker in solitaria in sole 12 ore.
820 km, Bologna - Villach - Bologna;  8 ore circa tra andata e ritorno ed il resto a passeggiare tra gli stand del villaggio Harley e tra la moltitudine di bikers che già il Mercoledì vagava curiosando per banchi e banchetti. Solo un matto come me poteva affrontare una gitarella del genere, ma la passione ha pagato il conto.
Il resto della truppa del Bologna HOG Chapter ha diviso le partenze in più scaglioni tra giovedì e venerdì, fino a raggiungere il sabato ben oltre 70 presenze, e quanti giovani! Tutti curiosi di rendersi personalmente conto ed appurare che i racconti fatti dai più vecchi erano veri: il Faaker è magico, il Faaker non si può raccontare, bisogna viverlo.
Pubblicato in HOG Life
Martedì, 06 Settembre 2011 09:14

Bologna HOG Chapter - Notte bastarda 2011

La notte bastarda... non la puoi capire se non la provi almeno una volta. E’ un giro strano, tanto atteso quanto imprevedibile: nessuno sa quando si farà sino a pochi giorni prima e nessuno sa dove si andrà finché non ci si arriva.
E così anche quest’anno si rincorrevano voci e domande su quando l’avremmo fatta e dove saremmo andati e cosa avrebbero dovuti subire i novellini.
Il 24 luglio alle 21 c’erano 75 bicilindrici pronti a solcare le strade nella notte in cerca di una sagra, una festa di paese e dell’ultimo bar aperto fino a notte fonda. 75 Harleysti Bolognesi ma non solo, visto che di anno in anno ci raggiungono nuovi amici e quest’anno è stato il turno dei ragazzi del Livorno Chapter e del distaccamento romagnolo del nostro Chapter.
Curva dopo curva, birra dopo birra la strada scorreva veloce sotto i nostri pneumatici, la temperatura dell’aria scendeva e mentre chi era rimasto in città si apprestava a passare un’altra nottata d’afa e zanzare noi vivevamo la notte senza preoccuparci di nulla se non di avere abbastanza benzina e strada da percorrere.
Verso l’una e mezza  di notte è arrivato il momento dei novizi di dimostrare di che pasta son fatti ed allora al gelo del Passo dell’Abetone li abbiamo fatti correre un po’ in salita con al traino una Electra Glide a testa con tanto di pilota e passeggero comodamente seduti. Luca Sancini è risultato essere il vincitore della sfida, affrontando tre manche di cui l’ultima addirittura con 3 passeggeri caricati sull’Ultra. A quel punto ci voleva un po’ di ristoro ed allora via verso Sestola accompagnati da un freddo sempre più pungente, per fortuna ad attenderci c’era pizza calda e l’ultima birra della nottata. Da lì il Road Nobel, unico a conoscere l’itinerario ci ha portati a dormire al Lago della Ninfa, posto bellissimo di giorno, posto gelido quella notte ma alle tre del mattino ogni posto andava bene tanto più che si trattava di passare giusto qualche ora sdraiati in attesa della colazione, momento che sanciva la fine della notte bastarda ed il conseguente rompete le righe con distribuzione di ambitissima patch. Anche per quest’anno è andata, ma c’è già chi dopo la sua prima esperienza non vede l’ora di rifarla e chi nonostante ne abbia tante sulle spalle non rinuncerebbe mai al giro più strano, scomodo, improvvisato e bastardo che ci sia.
Pubblicato in HOG Life
Mercoledì, 15 Giugno 2011 15:30

Basilicata Coast To Coast - Bologna HOG Chapter

Come nel film di Rocco Papaleo il Bologna Chapter arriva in terra Lucana.
Per il ponte del 2 giugno, 23 biker bolognesi guidati dal Road Capitain Tullo, percorrono 1.800 km fino in terra Lucana… ed oltre.
Protetti dai Safety Jean e Gollo, entrano nella splendida cornice dei sassi di Matera, immortalati dalla sempre presente macchina fotografica di Amanda Panno. I 23 bikers sarebbero però dovuti essere 25, se un’avaria galeotta non avesse fermato a Civitanova l’amico Raff e la Poli.
Al secondo giorno macinano km verso le dolomiti lucane, affrontando lo spettacolare “volo dell’angelo”, imbracati e sospesi su di un cavo d’acciaio si lanciano da una vetta all’altra dei due paesi arroccati, Castelmezzano e Pietrapertosa. Entusiasmante!
Il terzo giorno Maratea, dove gli fa da cornice lo splendido mare del golfo di Policastro. In serata arrivo a Paestum in provincia di Salerno, città dell’antica Magna Grecia.
Dolenti note chiudono questi 4 giorni: nuvoloni carichi di pioggia si aggregano al gruppo per tutto il viaggio di ritorno. Se li avessero solo seguiti, avrebbero fatto loro compagnia, il drammatico è che volendo strafare hanno cominciato a squarciarsi sulle cromate Harley fino alla beneamata Bologna. Inzuppati ma felici approdano in terra Emiliana in tarda serata dopo 12 ore di rombanti kilometri.
E anche questa volta posso scrivere… c’ero anch’io.
Pubblicato in HOG Life
Lunedì, 16 Maggio 2011 10:13

Crazy Mountain 2011 - Bologna HOG Chapter

1246,5: questi i km che segnava il contachilometri al rientro… “e anche questo Crazy Mountain è andato!”
Le premesse meteo non sono delle migliori per i 17 bikers entusiasti che puntualmente alle 8:30 del 23 aprile, si mettono in viaggio guidati dall’inossidabile Head Road Captain “Nobel”.
Si parte sotto nuvole nere e qualche scroscio d’acqua ma, per fortuna, il bel tempo ci aspetta al Brennero per accompagnarci lungo tutto il week end pasquale.
L’aspettativa di “neve ai bordi delle strade”, come in ogni Crazy Mountain che si rispetti, è stata vanificata dal caldo quasi estivo: le alpi austriache e bavaresi ci accolgono con i loro bucolici paesaggi, le loro foreste, le campagne, le esplosioni di profumi e di colori di una primavera oramai avanzata.
Giungiamo a  Monaco, la città più “italiana” della Germania o, nel comune pensare, la meno “tedesca”,  dopo avere attraversato paesini e strade un po’ meno battute ma per questo non meno affascinanti.
E’ l’edizione dei percorsi alternativi, un armonioso rincorrersi di curve e saliscendi tra Innsbruck, Seefeld, Mittenwald, il lago del Walchensee dove qualche coraggioso già cavalca spavaldo le onde con il surf o si dedica alla prima tintarella.
Il giorno di Pasqua arriviamo al lago di Starnberg e l’incontro con un inaspettata officina HD “al lavoro”, poi il Centro di Monaco ed infine il giorno di Pasquetta il rientro: attraverso i bellissimi paesaggi che incorniciano i laghi di Tegernsee ancora in Baviera, ed Achensee già in Austria, per poi puntare dritto verso la meta agognata… casa, dolce casa.
Non minor rilievo meriterebbero le immancabili visite ai tipici Biergarten, le Birrerie del centro, l’immancabile Hofbräuhaus e la “fabbrica degli stinchi” Haxnbauer: ardue prove affrontate con indomito spirito goliardico; per questo si tace, per pudore, sulle ovvie e prevedibili conseguenze.
Ragazzi, alla prossima!! un sentito ringraziamento per la compagnia e lo spirito a tutti i partecipanti che hanno portato nella capitale bavarese il fragoroso urlo di battaglia del Bologna Chapter per l’occasione tradotto in un quanto mai nibelungico IPE… IPE… FEUER!
Pubblicato in HOG Life
Giovedì, 14 Aprile 2011 10:01

Bologna HOG Chapter - Giro dei Borghi Senesi

10 Aprile 2011 - Giro dei Borghi Senesi
“Prenotazione non obbligatoria al giro dei borghi Senesi, alla partenza ci contiamo e si parte.”
…Ci abbiamo messo più tempo a contarci che arrivare a San Gimignano!
Un sacco di amici si sono presentati all’appuntamento per il giro organizzato dal Tullo… complimenti Tullo!
E che affluenza: 42 moto, 64 bikers, tra i quali tanti giovani iscritti al Bologna Chapter ed anche una delegazione di armigeri napoleonici che hanno sorvegliato la nostra partenza.
Un giorno bellissimo, il sole presente in prima fila e in mezzo al gruppo, udite udite, il Dealer con la bellissima moglie Morena! Un evento raro ma di buon auspicio, chissà se a Morena sarà piaciuto portare lo zainetto con il “necessaire”? Perché se fosse cosi li vedremo di certo presto ancora con noi!
In mezzo al gruppo il grande Jei Ar che sfoggiava un personalissimo tatuaggio nuovo… che fede! Poco distante Stefanone il Vichingo che come un guerriero, incredulo, brandiva in una mano il leveraggio della frizione.. che sfiga!
Insomma in tanti da Bologna passando dalla Raticosa a salutare la moltitudine di “sverniciatori” con le Geishe giapponesi multi colorate, poi  giù verso Firenze, con foto di gruppo a piazzale Michelangelo scattata dal giovane fotografo del giro, il bravo Fabio, assieme ad un Pachistano timoroso, che non gli pareva vero di vedere luccicare tante spille mentre ci fotografava sorridente. E via verso San Gimignano, ristorante all’ombra di fresche frasche con tavoloni di legno e tanta birra.
Pomeriggio turistico in allegria per borghi e borghetti, e poi rientro.
Pubblicato in HOG Life
Martedì, 22 Marzo 2011 10:36

Giro di Primavera 2011 - Bologna Chapter

Quarto Giro di Primavera – 20 Marzo 2011.
Il nostro amico Duz di certo ci ha messo lo zampino.
Claudio Dozzi, che da qualche giorno ci ha lasciato per salire in cielo, ha di certo messo una buona parola per far si che la giornata del Giro di Primavera, apertura ufficiale del calendario del Bologna Chapter, fosse splendente.
Splendente di sole e di gioia: abbiamo usufruito a pieno del sole ma la gioia è stata velata dal triste pensiero per la prematura scomparsa del nostro amico.
La complicità del sole ed una temperatura primaverile ha portato alla partenza ben 59 amici che in sella ad una cinquantina di Harley lucide e rombanti sono partiti per il giro dal titolo buffo ma eloquente: “Di qua e di la dal Po son tutti figli di Niccolò”, ovvero Niccolò III D’Este, grande estimatore di belle donne.
Tragitto: Bologna, Castello Estense a Ferrara ed in giro per la campagna ferrarese a visitar le delizie degli Estensi, le magioni di loro ludici svaghi.
Tappa a Gaiba (Rovigo), al ristorante Bonello dove la Marina e la Rachele, le proprietarie, ci hanno trattato da veri “nobili”. Grazie!
Conclusione del run alla Concessionaria Harley-Davidson Bologna per salutare il dealer in pieno Open Day - Spring  Break.
Grazie a tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita di questo evento.
Grazie a Raff (che sono io) ha organizzato il giro, Zunto che ha raccolto la pilla (soldi), Panno con l’Alice che si sono scapicollati per fotografarci in passaggi suggestivi, grazie ai safety per averci protetto e... grazie al Duz per aver vegliato su di noi.
Pubblicato in HOG Life
Lunedì, 21 Marzo 2011 11:42

Claudio Dozzi, ''Il Duz''

17 Marzo 2011, ciao Claudio.
Il dolore mi pervade, quando si gioca non si dovrebbe mai essere colpiti da cattivi pensieri, il gioco non contempla brutte notizie, il gioco è spensieratezza, mai rattristarsi...
Invece, a volte purtroppo, questa buona norma viene infranta.
Un Harleysta, un amico, un compagno di gite in moto se ne è andato. Mi ha lasciato con una grande dignità al punto che durante le nostre periodiche telefonate non avevo valutato la gravità del suo stato, mi ha fregato, Claudio Dozzi “il Duz”, un bravo ragazzo, riservato, di poche parole ma di grande cuore.
Il Duz, che se mi trovavo davanti a lui in moto non mi superava mai, mi seguiva come per proteggermi da tutto e da tutti, lui ci è riuscito ma io no... non solo non sono riuscito a proteggerlo dal male che lo affiggeva ma non sono nemmeno riuscito a misurarne la gravità. Oggi però, nonostante la tua riservatezza ho percepito un sorriso di felicità, quando il lungo serpentone di Harley-Davidson di tutti i tuoi amici, rombando sommessamente quasi per non disturbare il tuo sonno, ti hanno accompagnato a casa, nella tua nuova casa.
I nostri cuori e la tua bandiera, la bandiera del Bologna Chapter,  ti faranno compagnia.
Ciao Dozzi un bacio grande e... buona strada.
Raffaele Ginepri “Editor” Bologna Chapter
Pubblicato in In memoria di...
Pagina 1 di 2
Share on Myspace
***Annunci sponsorizzati***
Banner
Vuoi pubblicizzare la tua azienda? Contattaci per sapere come! info@kustomgarage.it

Accedi al sito

Kool Places

Federazione Italiana Customizer KustomGarage - THE Blog
Harley-Davidson-Logo  

Kustom News

Più di 80 piloti, due divisioni, un format entusiasmante per gli eventi, lotta serrata in pista e in classifica, Campionati e Trofei in palio, insieme a...
Carburatori AMAL Mk 1 ConcentricNelle vecchie fotografie di Harley Drag Bikes spesso si può notare che i collaudati carburatori Linkert erano stati...
Con la stagione 2014 della NASCAR Whelen Euro Series pronta a iniziare nel giro di sei settimane, l’elenco partenti comincia a prendere forma, in...
Un nuovo team austriaco fa il suo ingresso nella NASCAR Whelen Euro Series. DF1 Racing by B66 Raceconsulting schiererà in questa stagione due Chevrolet...
La NASCAR Whelen Euro Series e l’Autodromo di Magione hanno siglato un accordo per offrire, il 20 e il 21 settembre, il meglio delle corse americane in...

Submit Content

Submit-Button

Siamo sempre alla ricerca di contenuti, progetti, foto, video e storie interessanti sulle vostre due e quattro ruote.
Se hai qualcosa da condividere contattaci inviando una email.
Verrà citata la fonte della storia (ovviamente), e poi cosa c'è di meglio che mostrare ai tuoi amici che la tua storia è degna di KustomGarage Magazine?

Utenti online

Nessuno

Seguici su:

Seguici su Facebook! Twitter-bn GooglePlus-bn RSS-bn
Newsletter-bn Blogger-bn Seguici su Tumblr.! Follow Me on Pinterest
Il canale Youtube di KustomGarage Magazine Seguici su Instagram!

Languages

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Partners

V8 American Car Club
MotoCustom
La pagina dei Motoraduni
TeknoSelle
SPQR Moto
BCycles: bici custom!
Gallura Custom
Kustomrama - Traditional Rod&Kustom Wikipedia

Newsletter