Banner

HARLEY-DAVIDSON LANCIA UNA NUOVA SFIDA DAL SAPORE TURISTICO, “DISCOVER MORE”
Una moto Harley-Davidson si appresta a viaggiare per 20.000 chilometri attraverso le più belle strade di Europa, Medio Oriente e Nord Africa
Inizia oggi il countdown del progetto Harley-Davidson “Discover More”, un’iconica esperienza on the road che vedrà come protagonista il modello touring Harley-Davidson Street Glide, in viaggio tra le più belle e incredibili strade di tutta Europa, Medio Oriente e Nord Africa, un itinerario lungo più di 20.000 chilometri attraverso oltre 30 Paesi.
In data 5 maggio 2014 la Street Glide “Discover More” partirà dal Medio Oriente e darà il via al suo lungo percorso attraverso i due continenti, cavalcando alcune delle più belle strade e scoprendo vivaci culture, suoni e visioni che rappresentano la passione, l'espressione di sé e la vera esperienza turistica Harley-Davidson.
Il viaggio, uno dei più significativi eventi itineranti mai organizzati da Harley-Davidson, coinvolgerà oltre 50 rider appositamente selezionati e provenienti da tutta Europa, Medio Oriente e Nord Africa, che avranno il compito di dar vita al tour e di condividere racconti ed esperienze online. I motociclisti che parteciperanno, saranno fan del social media, celebrità, giornalisti e volti noti nel panorama mototuristico. Dopo il lancio del Project Rushmore nell’agosto 2013, progetto nato dai suggerimenti dei clienti e finalizzato a migliorare sostanzialmente ogni aspetto del viaggio su due ruote, “Discover More” avrà il compito di dimostrare le incredibili esperienze che si possono vivere sulle strade di tutta Europa, Medio Oriente e Nord Africa, apprezzando contestualmente la superba maneggevolezza e il comfort di una moto Harley-Davidson.
Per documentare il tour, Harley-Davidson ha per la prima volta attivato una partnership con le agenzie di produzione creativa KngLAD e itdrewitself per catturare i momenti più emozionanti, l’esperienza dell’avventura e il gusto della scoperta nascosta dietro ad ogni svolta e ad ogni curva.
Un team composto da 3 uomini della produzione, filmerà ogni fase del percorso, registrerà le incredibili storie dei rider e creerà contenuti accattivanti in grado di comunicare e far vedere l'emozione e il brivido di un viaggio in Harley-Davidson. Fan di tutto il mondo potranno inoltre collegarsi ad aggiornamenti in tempo reale, foto e video del tour attraverso i social media e il sito Discover More.
La tappa finale di “Discover More” vedrà la Street Glide giungere all’evento European Bike Week, in Austria il 6 settembre 2014. I piloti di “Discover More” potranno celebrare il culmine del tour con migliaia di altri appassionati, in occasione del più grande festival motociclistico in Europa, aperto a tutti e gratuito. La moto, che verrà accompagnata in strada da centinaia di biker, sarà esposta in diverse mostre europee fino alla fine del 2014.
Matthew Knott, Harley-Davidson EMEA Communications Manager, ha dichiarato: "Siamo davvero entusiasti al lancio di Discover More, che sarà il più grande viaggio on the road mai ospitato da Harley-Davidson in Europa, Medio Oriente e Africa. Dopo la presentazione del Project RUSHMORE nel mese di agosto dello scorso anno, Discover More accenderà i riflettori sulle incredibili avventure e le scoperte che si possono fare in sella a una moto touring Harley-Davidson".
Il percorso dettagliato, nazione per nazione, e i nomi dei piloti saranno annunciati a tempo debito.
Partecipa alle discussioni sui social media usando # DiscoverMore2014 e visita il sito www.hd.com/discovermore per gli ultimi aggiornamenti.

Pubblicato in Eventi

La collaborazione tra la leggendaria Casa Americana e le due più importanti aziende produttrici di pneumatici, Michelin e Dunlop, trasforma l’esperienza di guida e accresce il livello di sicurezza

L’unione di forze tra Harley-Davidson, storica casa motociclistica e i due più importanti produttori di pneumatici, Dunlop e Michelin, da vita a un prodotto che sfiora l’eccellenza. Il risultato sono pneumatici di alto livello marchiati Harley-Davidson, progettati e approvati esclusivamente per le moto di Milwaukee, gomme in grado di garantire massima sicurezza, lunga durata, comfort e maneggevolezza senza pari. L’esperienza di guida si alzerà di livello e gli unici pensieri resteranno le emozioni e le “good vibration” che solo il bicilindrico americano è in grado regalare. Dallo scorso anno inoltre, Harley-Davidson Italia ha operato una revisione dei prezzi che ha determinato una riduzione media del 40%, strategia atta a sensibilizzare la clientela sull’importanza della scelta di giusti pneumatici.

Dalla collaborazione tra Harley-Davidson e i brand Dunlop e Michelin, sono nati penumatici su misura. Un binomio in grado di garantire, con questa configurazione, i più alti standard in tema sicurezza. Un risultato così soddisfacente può essere raggiunto esclusivamente sottoponendo gli pneumatici a cicli di lavoro estremi, rigorosi test e controlli.

L’originalità del prodotto è anche visibile osservando la firma Harley-Davidson incisa sulla fascia, dettaglio che fa la differenza.
Gli pneumatici Dunlop Harley-Davidson, disegnati e prodotti direttamente in US, sono montati di serie sugli attuali modelli Touring, Trike, Softail, Dyna Fat Bob, Dyna Switchback e Sportster Seventy-Two.

Il nuovo pneumatico D407T Touring ha una forte vocazione turistica in grado di garantire, grazie alla tecnologia MT Multi-Tread, il chilometraggio più alto mai offerto da Harley-Davidson. A questo si aggiunge il modello D402, anch’esso progettato il turismo a lungo raggio.

Per i modelli cruiser sono consigliati i D401 e per coloro che sono alla ricerca di alte performance i GT502/502F.

MODELLI DUNLOP

Gli pneumatici Michelin Scorcher sono montati di serie sui modelli V-Rod, Street 750 e la maggior parte degli Sportster e Dyna correnti. Si tratta degli pneumatici Scorcher 11, Scorcher 31 e Scorcher 32, prodotti in grado di offrire durata, massimo handling, sicurezza e risparmio sulla benzina. I clienti Harley-Davidson potranno acquistare e montare gli pneumatici Michelin, anche come prodotto sostituivo o classico cambio gomme, presso tutte le concessionarie ufficiali.

MODELLI MICHELIN


Per informazioni in merito ai nuovi pneumatici Harley-Davidson, Dunlop e Michelin visitate il sito ufficale Harley-Davidson.

Pubblicato in Ricambi e accessori

HARLEY-DAVIDSON MOTORCLOTHES GENUINE COLLECTION 2014

Passato e presente di un marchio leggendario, che da generazioni colora sogni e fantasie di motociclisti. Harley-Davidson, fin dagli albori, ha creduto nella forza del proprio nome tanto da progettare non solo motociclette di successo, ma una linea completa di abbigliamento e accessori.
Nel giugno 1912 sulla pubblicazione “The Harley-Davidson Dealer” hanno fatto la loro prima apparizione, le maglie racing in lana. Ebbero una tale popolarità che fu necessario triplicare la produzione originale. Le maglie proponevano una linea estetica ben definita: il nome Harley-Davidson doveva essere protagonista.
Da questa intuizione, nasce nel 2014 la nuova collezione maschile Genuine che, ispirandosi al passato, propone una linea di maglie in puro cotone replicando la creatività del primo Novecento.

GENUINE CLASSICS LONG SLEEVE TEE (Cod. 99098-14VM nera – 99099-14VM bianca)
Maglia a maniche lunghe in puro cotone con trattamento intensivo di prelavaggio, caratteristica che ne determina una particolare morbidezza. La sportività del capo spicca dal gioco di colori a contrasto delle maniche. Forte richiamo alla storia del marchio è la scritta Harley-Davidson ricamata.
Disponibile in due colori: base nera e base bianca.
Taglie dalla S alla 5XL.
Prezzo al pubblico consigliato Iva inclusa 70,00 Euro.

GENUINE CLASSICS ¼ ZIP SHIRT (Cod. 99000-14VM)
Maglia a maniche lunghe in puro cotone con speciale lavorazione a nido d’ape, collo alto e chiusura a zip corta. Protagonista è la scritta Harley-Davidson ricamata con taglio al vivo.
Disponibile in tinta unita nera, taglie dalla S alla 5XL.
Prezzo al pubblico consigliato Iva inclusa 90,00 Euro.

Carburatori AMAL Mk 1 Concentric
Nelle vecchie fotografie di Harley Drag Bikes spesso si può notare che i collaudati carburatori Linkert erano stati sostituiti con altri di AMAL, e c’è da scommettere  che non era per via del loro aspetto sprint.
Infatti, durante il loro periodo d’oro gli AMAL erano dei veri carburatori performanti, cosa di cui spessissimo hanno fornito ottima prova. Allo stesso tempo erano facili da mettere a punto e da manutenere, divenendo la prima scelta dei piloti sportivi e degli street biker corsaioli.
L’AMAL Concentric Mk1 venne introdotto nel 1966 come successore ammodernato del Monobloc. Risulta più compatto, leggero e presenta un design completamente concentrico.
Le viti di regolazione dell’aria e del minimo sono state riposizionate per un accesso facilitato.
Le attuali riproduzioni "Premier Range" hanno diverse migliorie rispetto ai prodotti degli anni ’60.
Fra queste:

  • Valvola gas in alluminio forgiato anodizzato duro per una migliore scorrevolezza e minor usura.
  • Il materiale del corpo del carburatore è passivizzato per contrastare la corrosione.
  • Galleggiante resistente all’etanolo Stayup e ago galleggiante con punta Viton.
  • I canali del minimo sono realizzati con precisione per migliorare la risposta del gas e diminuire il consumo di carburante.
  • Getto pilota facilmente cambiabile per permettere una precisa messa a punto della miscela del minimo.


Adattatori per AMAL sul Collettore Linkert
Pratici adattatori che semplificano di molto l‘installazione di un carburatore AMAL su una Harley classica.


Fanalino Moon 33-36 Ford
Luce posteriore old school il cui design deriva da un vecchio fanale Ford. La robusta cassa metallica presenta due fori sul retro che permettono un fissaggio universale. Vanno assolutamente viste pure le tostissime gemme d‘accessorio!


Supporti parafanghi di Cannonball
Soluzione molto ben riuscita per montare un piccolo parafango custom su forcelle Springer Classic, vicino alla gomma anteriore di ruote da 19” o 21”. Grazie al design intelligente di questi morsetti rimangono visibili solo due grani filettati. Il montaggio sulle forcelle a molla richiede solo pochi minuti. La distanza fori dei supporti è di 65 mm, con larghezza massima parafango di 120 mm. Quello di serie delle FXSTS offre una soluzione completa per il fissaggio. Offriamo morsetti per forcelle Springer originali, oltre che per forcelle W&W Classic e I-Beam.


Pinza 4 pistoncini 125x4R Vintage PM
Con queste pinze del freno Performance Machine è riuscita a combinare la moderna tecnologia dei freni con il design della pinza freno PM degli anni ’70 che allora fece diventare PM il produttore americano per eccellenza di pinze freno destinate alle Harley. La pinza freno Vintage trae la sua potenza frenante dagli sperimentati pistoncini quadrupli, mentre il suo design risale alla pinza Dual Action degli anni Settanta, con p.es. le scanalature fresate che hanno funzione sia di raffreddamento che di stabilizzazione.


Adattatore per filtri aria ovali su carburatori S&S Super E/G
Gradite un po‘ di classic style della factory per il vostro carburatore S&S Super E oppure G? Con questo adattatore si possono montare in un baleno dei filtri aria ovali con piastra base arretrata OEM o loro riproduzioni.


Corda elastica Loop-End TPB
Corda elastica d’impiego multiplo con gancio in nylon a un’estremità e cappio ovale all’altra. In questo modo offre parecchie possibilità di fissaggio.

Cinghie elastiche Heavy Duty TPB
Per quando la cosa si fa pesante. Cinghie da trasporto con ganci removibili/intercambiali in nylon che non graffiano la vernice o le parti in metallo.

Corde elastiche TPB
Corde elastiche heavy duty con ganci removibili/intercambiabili in nylon che non graffiano la vernice o le parti metalliche.

TPB Adjust-A-Strap
L‘Adjust-A-Strap è una cinghia da trasporto regolabile su 6 posizioni tramite delle aperture applicate. I ganci in nylon grandi e resistenti proteggono la vernice e le parti metalliche contro i graffi.


Modellini Tamiya 1:6
I kit leggendari di modellini in scala grande 1:6 di Tamaiya sono da decenni la gioia dei ragazzi (e di qualche ragazza) sia piccoli che cresciuti. I pezzi sono dettagliati in modo incredibile, per cui alla fine si ottiene un modello perfetto della moto originale. Un meraviglioso passatempo per la stagione fredda.

Pubblicato in Ricambi e Accessori

Chilometri e chilometri da percorrere, mete da sogno in attesa di essere esplorate, l’immancabile profumo dell’amicizia e all’arrivo una grande accoglienza come solo il brand Harley-Davidson è in grado di regalare. Questa la ricetta del club ufficiale H.O.G. (Harley Owners Group): vivere e condividere la passione attraverso il viaggio, breve o lungo che sia.
Anche quest’anno Harley-Davidson propone un fitto calendario di eventi internazionali H.O.G., molti dei quali aperti a tutti i motociclisti, che raccoglie le date dei più bei raduni in Europa, in Africa e in India. Le destinazioni sono varie e abbracciano indistintamente le grandi capitali, le città marittime, piccole province celate dalla natura e siti storici.
Il percorso 2014 degli eventi H.O.G. è già iniziato con la prima tappa che si è tenuta a Goa, in India dal 17 al 18 gennaio. Un’inaugurazione di stagione che ha visto migliaia di appassionati prendere parte alla seconda edizione di India Bike Week, unico festival locale dedicato ai motori e alla musica. I prossimi appuntamenti saranno nel mese di maggio a iniziare dal rally Africa Bike Week che si svolgerà dal 1 al 4 maggio in Margate, Sud Africa, e a seguire l’elegante e intramontabile Euro Festival, Golfe de Saint Tropez (8-11 maggio). Quest’ultimo, insieme all’European Bike Week di Faaker See (2-7 settembre), rappresenta uno dei raduni più amati dal mondo H.O.G., da diversi anni forte richiamo anche per tutti gli appassionati di altre fedi motociclistiche.
Imperdibile appuntamento sarà inoltre il Croatia Harley Days inc European H.O.G. Rally, Biograd, in programma dal 12 al 15 giugno. Un evento che già nel 2011 riscosse enorme successo registrando l’affluenza di oltre 65.000 partecipanti.
Unico nel suo genere per portata e partecipazione è il World Ride (23-24 giugno) ovvero una due giorni che vedrà frotte di motociclisti solcare contemporaneamente le strade di tutto il mondo. Ogni chilometro percorso sarà registrato nel sito dell’evento e attraverso un contachilometri digitale, verrà calcolata la distanza collettiva percorsa da tutti i rider. L’obiettivo sarà superare il risultato dello scorso anno: 30.280 partecipanti e 10MM di strada!
L’anno di grandi eventi internazionali si concluderà nella soleggiata Mallorca, Spagna, con la Bike Week che andrà in scena dal 3 al 9 novembre.
L’Europa sarà quindi ancora una volta protagonista dell’attività Harley-Davidson con numerosi eventi che la vedranno coinvolta.
Vediamoli nel dettaglio.

Calendario eventi internazionali H.O.G. 2014:

17-18 Gennaio India Bike Week Goa, India    
1-4 Maggio Africa Bike Week Margate, South Africa   
8-11 Maggio Euro Festival  Golfe de St-Tropez    
30 Maggio-2 Giugno Ireland Bike Fest  Killarney, Ireland 
4-8 Giugno Open Road Fest Lake Balaton, Hungary   
6-9 Giugno Benelux H.O.G. Rally La Rochette, Luxembourg   
12-15 Giugno Norway H.O.G. Rally Halden, Norway    
12-15 Giugno Croatia Harley Days inc Euro HOG Rally Biograd, Croatia
19-22 Giugno Magic Bike Rudesheim Rudesheim, Germany    
23-24 Giugno World Ride Everywhere      
4-6 Luglio Barcelona Harley Days Barcelona     
4-6 Luglio Hamburg Harley Days Hamburg     
18-20 Luglio Vienna Harley Days Vienna, Austria    
5-20 Luglio 4th H.O.G. Posse Ride Berlin-Valencia    
24-27 Luglio Swedish H.O.G. Rally Are, Sweden    
7-10 Agosto St Petersburg Harley Days St Petersburg, Russia  
8-10 Agosto Friendship Ride Fulda, Germany     
14-17 Agosto Polish H.O.G. Rally Warsaw     
22-25 Agosto Thunder in the Glens Aviemore, Scotland   
29-30 Agosto Prague Harley Days Prague, Czech Republic   
2-7 Settembre European Bike Week Faaker See, Austria   
3-9 Novembre Mallorca Bike Week Mallorca     


Non resta che girare la chiave, scaldare il motore e come dicono gli americani “Screw it, lets’ Ride” ovvero goditi il momento, la strada ti aspetta!
Aggiornamenti in merito a date e location sono disponibili on line sul sito www.harley-davidson.it oppure www.hogeuropegallery.com.

Pubblicato in Eventi

L'agile Sportster è pronto per la strada, con borse, parabrezza e sospensioni regolabili
La nuova motocicletta Harley-Davidson SuperLow 1200T spalanca le porte verso la libertà. Un modello Sportster dotato delle caratteristiche essenziali Touring, il SuperLow 1200T è stato specificamente creato per invogliare più motociclisti ad intraprendere l'avventura di un lungo viaggio a bordo di una motocicletta con lo stile, il confort e il prestigio di una Harley-Davidson. Il SuperLow 1200T verrà introdotto sul mercato nella prima metà del 2014.
Nel SuperLow 1200T, Harley-Davidson ha per la prima volta abbinato il telaio maneggevole del SuperLow con le prestazioni di un motore Evolution 1200 V-Twin. Il nuovo pacchetto sospensioni e pneumatici è indicato per i lunghi viaggi, con bagaglio e passeggeri a bordo. L'ergonomia è tarata per consentire ai motociclisti da 1.50m a 1.70m di altezza, di raggiungere facilmente il suolo, il manubrio e i comandi a pedale. Il SuperLow 1200T ha un peso inferiore di 53,5 kg rispetto alle motociclette Touring Big Twin Harley-Davidson più leggere.

“Il SuperLow 1200T è una nuova motocicletta guidata dalla voce dei nostri clienti, e dalle loro azioni,” dice Jennifer Gersch, Product Planning Manager di Harley-Davidson. “Molti motociclisti che cercavano di avvicinarsi al mondo Touring hanno assemblato loro stessi una moto simile a questa. Noi abbiamo aggiunto delle regolazioni ergonomiche e una serie di accessori Touring a una piattaforma già popolare tra i nostri clienti. Possono viaggiare su una moto dall'aspetto straordinario che offre prestazioni e ispira fiducia, vivendo quelle esperienze straordinarie che si possono incontrare solo quando ci si mette in strada.”

Le caratteristiche Touring del SuperLow 1200T comprendono borse laterali con serratura e parabrezza rimovibile. La bulloneria di montaggio delle borse laterali comprende punti di ancoraggio a sgancio rapido che consentono di aggiungere facilmente uno schienale o un portapacchi. L'ammortizzatore posteriore offre una facile regolazione del precarico per sostenere il peso del bagaglio e di un passeggero sulla sella touring ribassata biposto. La posizione dei piedi del pilota è avanzata di 7.5cm rispetto al SuperLow 883. Per rendere più facile raggiungere il terreno e azionare cavalletto laterale.

Il proprietario di un SuperLow 1200T guida una motocicletta Harley-Davidson pura, di prima qualità, con verniciatura a tinta unita o a doppia tonalità, cerchi a cinque razze in alluminio neri e argento, uno speciale fregio del serbatoio e un'infinità di cromature.
Il SuperLow 1200T è dotato delle stesse caratteristiche di maneggevolezza del telaio originariamente sviluppate per il SuperLow 883. Angolo di inclinazione forcella, dimensioni delle ruote e pneumatici radiali sono stati progettati come pacchetto unico per ridurre gli sforzi nelle manovre e fornire prontezza di risposta in manovra per aiutare conducente e moto a curvare con facilità. Il sistema frenante antibloccaggio, il sistema di sicurezza H-D Smart con telecomando di sicurezza con sensore di prossimità e l'accensione senza chiave vengono offerti come dotazione standard.
I freni ad alte prestazioni sono dotati di un disco anteriore da 300 mm, una pinza freno anteriore con due pistoncini da 34 mm e pompa anteriore in alluminio ad elevata efficienza. Il diametro del disco freno posteriore è 260 mm con due pistoncini da 38mm. I freni anteriori e posteriori sono dotati di tubazioni di acciaio inossidabile con treccia metallica di serie, che resistono alle abrasioni e migliorano la precisione del controllo.

Il nuovo impianto elettrico in dotazione ai modelli Sportster 2014 comprende tachimetro analogico e contagiri digitale, blocchetti ergonomici ridisegnati, cablaggio e regolatore di tensione aggiornati. I nuovi blocchetti comprendono un nuovo pulsante di selezione a sinistra per navigare tra le varie schermate del tachimetro, che comprendono contachilometri totale e parziale, indicatore di marcia e visualizzatore giri/min. Inoltre, il nuovo design del serbatoio dell'olio e del pannello laterale consentono di accedere più facilmente alla batteria e al terminale di diagnosi.

Caratteristiche principali SuperLow 1200T

  • Un motore Evolution V-Twin 1200cc raffreddato ad aria con iniezione elettronica sequenziale (ESPFI), eroga una coppia massima nominale di 96 Nm a 3750 giri/min, ha un’ampia fascia di potenza per una facile ri-partenza da fermo ed una ripresa per affrontare le curve senza problemi. Il gruppo motore-trasmissione è rifinito con rivestimento nero a polvere e coperchi cromati.
  • La sella touring ribassata Reach biposto sposta il conducente in avanti ed ha la punta stretta per poter poggiare più facilmente i piedi sull'asfalto. L'altezza della sella è 702 mm senza carico.
  • Le sospensioni posteriori sono dotate di un doppio ammortizzatore regolabile con registro sul lato sinistro. Il registro è facilmente accessibile e offre una vasta gamma di regolazioni del precarico senza dover rimuovere le borse laterali e senza utilizzo di attrezzi.
  • Le sospensioni anteriori sono regolate per il trasporto di bagagli e di un passeggero, senza pesare sul confort di guida.
  • Il parabrezza rimovibile da 14 pollici (356 mm) in policarbonato trasparente può essere regolato sugli steli della forcella in base all'altezza del conducente.
  • La posizione dei piedi del conducente è stata ottimizzata per poter raggiungere più facilmente il suolo e il cavalletto laterale.
  • Cerchi a cinque razze in alluminio neri e argento con pneumatici touring Michelin Scorcher 11T appositamente progettati per il carico di una moto touring.
  • Gli indicatori di direzione anteriori sono posizionati sulla piastra inferiore per aumentare la gamma di regolazioni del manubrio.
  • Le borse laterali con serrature sono rivestite di vinile nero resistente con dettagli cromati.
  • La bulloneria di fissaggio posteriore di serie facilita l'installazione di un portapacchi opzionale e di sissy bar con schienale.
  • Fregio del serbatoio in stile cloisonné e cromato di alta qualità.
  • Visiera faro, alloggiamenti degli indicatori di direzione e alloggiamento della strumentazione cromati.
  • La scelta di colori comprende: Vivid Black, Candy Orange e doppia tonalità Birch White/Midnight Pearl.
Pubblicato in Moto

Il nuovo Street Bob Special Edition scende in strada con una serie di caratteristiche personalizzate accattivanti
Il nuovo Street Bob Special Edition, un modello Custom che mantiene l'essenza pura ed essenziale di un Big Twin Street Bob, ritorna nel 2014 con una serie di caratteristiche accattivanti che regalano maggiore potenza e più stile ai motociclisti Harley-Davidson di tutto il mondo. Ispirato dal programma di personalizzazione sulla linea di montaggio di Harley-Davidson, questa nuova motocicletta è disponibile solo in mercati selezionati, comprese le regioni europea, mediorientale e africana.

Lo Street Bob Special Edition porta la ribelle personalizzazione Harley-Davidson ai livelli più alti e viene sottoposta ad un trattamento speciale grazie al potente motore da 1690cc, ai cerchi in lega a 5 razze e ad un'originale vernice bicolore con decorazioni. La nostra famosissima ed elegante sella biposto Badlander, i comandi avanzati e i manubri Drag conferiscono a questa rombante Bobber un carattere più cattivo e un aspetto più slanciato, per gli appassionati che apprezzano l'essenza pura del motociclismo.
Il nuovo modello mantiene tutte le caratteristiche principali dell'essenziale Big Twin, che comprendono il parafango posteriore corto, il serbatoio del carburante Fat Bob e il gruppo motore-trasmissione di colore nero. Analizzando ciascuna caratteristica, il modello sfoggia i cerchi in lega di alluminio a cinque razze con finiture nere e dettagli Contrast Cut. Il manubrio dritto in stile "drag" sostituisce il manubrio Mini-Ape di serie e abbassa il profilo della motocicletta, mentre la sella biposto Badlander sostituisce la sella monoposto e offre una linea morbida e pulita, dal serbatoio del carburante al parafango posteriore.

La versione “Special” è disponibile nella colorazione Dominator bicolore Mysterious Red Sunglo e Silver su serbatoio e parafanghi.
“Lo Street Bob Special Edition 2014 offre potenza e stile, puntando ad attirare l'attenzione degli appassionati di Harley-Davidson sia negli showroom sia per le strade di tutto il mondo,” dice Ray Drea, Chief Stylist di Harley-Davidson. “Abbiamo preso le caratteristiche eleganti ed essenziali dello Street Bob classico e le abbiamo trasformate in un modello Big Twin personalizzato con le inconfondibili sonorità e prestazioni di una motocicletta Harley-Davidson.”

Caratteristiche principali dello Street Bob Special Edition

  • Motore Twin Cam 103 V-Twin montato su supporti elastici con iniezione elettronica sequenziale (ESPFI) e coppia di 130 Nm/95,9 ft lb
  • Trasmissione Cruise Drive a sei marce
  • Cerchi in lega di alluminio a cinque razze, di colore nero
  • Sistema ABS di serie
  • Originale colorazione Dominator bicolore Mysterious Red Sunglo e Silver
  • Scarichi "Shorty" gemellati cromati con taglio diritto
  • Piastre di sterzo, gruppo motore-trasmissione e copri batteria neri
  • Parafango posteriore corto dalle linee pulite con gruppo luci di stop/luci di posizione posteriore/indicatori di direzione per un look Bobber molto minimale e supporti parafango a vista
  • Serbatoio carburante Fat Bob da 17,8 litri
  • Sella biposto Badlander;
  • Manubrio stile Drag e comandi avanzati
  • Pneumatici Michelin Scorcher: anteriore 100/90B-19 57H, posteriore 160/70B-17 73V
Pubblicato in Moto

Il robusto telaio Dyna personalizzato offre prestazioni impeccabili ed ergonomia perfetta
Nel 1977 Harley-Davidson ha creato una motocicletta Custom dalla guida aggressiva, che stabilisce lei stessa i propri confini, sulla quale lo sporco non fa altro che esaltare il suo carattere, e che è diventata un'icona: il Low Rider. Oggi, dopo cinque anni di assenza, la leggendaria motocicletta Low Rider ritorna nella linea Harley-Davidson, rinata con lo stile cruiser personalizzato e senza tempo Harley-Davidson ed entusiasmanti nuove prestazioni, adatta per tutti quelli che hanno sete di libertà. Con un design ergonomico innovativo che si regola facilmente, il nuovo Low Rider è un Big Twin adatto a tutti i motociclisti; verrà introdotto sul mercato nella prima metà del 2014 e sarà assolutamente e inconfondibilmente una Harley-Davidson.
Il nuovo Low Rider risponde con assoluta autorità alle esigenze del motociclista, grazie all'inesorabile spinta del gruppo motore-trasmissione Twin Cam 103 incastonato in un agile telaio Dyna Harley-Davidson. I pneumatici Michelin Scorcher sono abbinati a sospensioni tarate per garantire il comfort per l'intera giornata e offrire una maneggevolezza precisa, dotate di robuste forcelle da 49mm e nuovi ammortizzatori posteriori con precarico molla, entrambi con molle a triplo passo. Il doppio freno a disco anteriore fornisce la massima potenza frenante. I tubi di scarico scolpiti alimentano uno scarico 2 in 1 che emette un rombo appagante. Da semaforo a semaforo o negli spazi aperti, le prestazioni del Low Rider sono esaltanti.
Utilizzando lo stesso processo di sviluppo veloce e focalizzato sul cliente che ha fatto da propulsore al Project RUSHMORE, il nuovo Low Rider è stato progettato per soddisfare le esigenze di un gran numero di piloti grazie alla posizione di guida sicura e confortevole, senza accessori aggiuntivi. Harley-Davidson ha sfruttato la scienza ergonomica per sviluppare una posizione di guida “perfetta” utilizzando tre caratteristiche chiave: una sella a due posizioni e un supporto per manubrio regolabile, che possono essere facilmente regolati dal concessionario o dal guidatore usando dei semplici attrezzi, e le pedane che sono state posizionate più avanti di due pollici (51mm). Il Low Rider è ancora degno del suo nome: l'altezza della sella è di soli 680 mm.

“Volevamo che il nuovo Low Rider ottenesse il più ampio consenso e abbiamo lavorato in tre fasi per raggiungere l'obiettivo,” dice Paul Weiss, Lead Engineer del progetto Low Rider. “Abbiamo iniziato a raccogliere le opinioni di diversi tipi di motociclisti, e poi abbiamo utilizzato simulazioni avanzate al computer per la postura e le posizioni di guida per progettare il posizionamento ottimale dei comandi per il guidatore.”
I triangoli generati al computer che rappresentano gli estremi dei target biometrici (da 1.50 a 1.75m in altezza) combaciavano con il telaio Dyna. Questi triangoli rappresentavano non solo le distanze più facilmete raggiungibili per il maggior numero di motociclisti, ma anche i più importanti punti di confort all'interno di quella zona.
“In seguito abbiamo dovuto progettare soluzioni che potessero entrare in produzione,” dice Weiss. “Ispirati dall'idea che in un'autovettura basta regolare la posizione del sedile per raggiungere i comandi, abbiamo concepito la sella Low Rider a due posizioni che si può spostare in avanti o indietro di 1,5 pollici (38 mm). Aggiungendo anche il manubrio regolabile, siamo in grado di sistemare qualsiasi motociclista. L'ultima modifica è stata il riposizionamento delle pedane due pollici (51mm) più avanti rispetto alla precedente posizione intermedia della Dyna.”
I reparti Engineering e Styling di Harley-Davidson hanno collaborato alla progettazione della sella con cuscino rimovibile, fissato da due viti nascoste, per fornire una vasta gamma di posizioni di seduta. La nuova visiera faro è fissata alla piastra superiore e funge da base per il supporto del manubrio regolabile, fissato da quattro bulloni a testa esagonale di facile accesso.
“Il Low Rider rappresenta l'intensa collaborazione tra gli staff di Styling e Engineering di Harley-Davidson,” dice Tony Pink, Lead Stylist. “Lo staff di Engineering ha creato alcune soluzioni innovative per migliorare il confort del Low Rider, mentre la squadra di Styling è riuscita con successo a integrare tali caratteristiche mantenendo quelle finiture di qualità che i clienti associano ad Harley-Davidson.”
Il Low Rider originale è immediatamente diventato un'icona di stile quando è stato introdotto nel 1977, quindi i progettisti di Harley-Davidson sono tornati a quella pietra miliare per trarre ispirazione nella creazione del nuovo Low Rider con un look senza tempo ed autentico.
“Il nostro team di Styling ha concepito una nuova motocicletta con un'attrattiva universale e vigorosa,” dice Pink. “L'utilizzo della vernice nera ad effetto raggrinzante sul gruppo motore-trasmissione, cerchi, console e finiture sono gli elementi chiave del nuovo look. La visiera e il faro sospeso sono altri elementi chiave di stile che abbiamo voluto su questo Low Rider. Come l'originale, questo nuovo Low Rider è dotato di cerchi in lega a cinque razze. Il risultato è un purosangue, classico Harley-Davidson.”

Caratteristiche del Low Rider

  • Il motore Twin Cam 103 montato su supporti in gomma eroga una coppia di 126 Nm (92 ft.lbs.) a 3500 giri/min. Il motore è dotato di iniezione elettronica sequenziale (ESPFI) e rilascio automatico della compressione (ACR) uniti alla speciale trasmissione Cruise Drive a 6 marce. Il gruppo motore-trasmissione è rifinito con rivestimento nero ad effetto raggrinzante a polvere e coperchi cromati.L'originale supporto del manubrio offre 2,4 pollici (61mm) di regolazione senza giunture.
  • La sella ergonomica a due posizioni è in grado di accogliere guidatori di tutte le dimensioni, è inoltre dotata di un cuscino rimovibile che sposta il guidatore avanti di 1,5 pollici (38mm); l'altezza da terra senza carico è di 680 mm. Il rivestimento perforato della sella ad alte prestazioni è decorato con un ricamo classico.
  • I comandi a pedale montati centralmente sono posizionati per adattarsi al meglio alla maggior parte dei guidatori.
  • Cerchi a raggi in acciaio cromato.
  • Lo scarico cromato 2 in 1 emette un rombo gutturale che rende omaggio al Low Rider originale.
  • La console nera ad effetto raggrinzante ospita un tachimetro e contagiri analogici. Le spie sono integrate nel contagiri.
  • I copri-supporti parafango cromati sono dotati di finestrature in nero ad effetto raggrinzante.
  • L'inserto del vano porta batteria cromato ha rifiniture in nero ad effetto raggrinzante.
  • Visiera faro classica.
  • Avantreno lucidato.
  • Doppio freno a disco anteriore.
  • Le sospensioni sono dotate di forcelle anteriori da 49mm e ammortizzatori posteriori con precarico molla, entrambi con molle a triplo passo tarati per garantire eccellenti prestazioni e il comfort per l'intera giornata.
  • Pneumatici Michelin Scorcher.
  • Interruttore di accensione situato sul lato sinistro della motocicletta.
  • Il sistema di sicurezza H-D Smart con telecomando di sicurezza a prossimità e accensione senza chiave è offerto come dotazione standard.
  • Il sistema frenante antibloccaggio (ABS) viene fornito di serie nei mercati EMEA.
  • La scelta di colori comprende: Vivid Black, bicolore Brilliant Silver/Vivid Black e bicolore Amber Whiskey/Vivid Black.
Pubblicato in Moto

C’è del genio nella Kyrgys. E ovviamente, anche nella mente di Satya Kraus, l’uomo che sta dietro le quinte (ma neanche più di tanto) della Kraus Motor Co., officina con sede a Cazadero, in California.
C’è del genio perché riesce ad ingannare l’occhio: sembra rigida ma non è, serve a tirarti fuori dalla monotonia! (provate a canticchiarla con la base di Pollon, per dare un senso a questa stupidaggine).
Il telaio non è un rigido perché nasconde nel suo posteriore un sistema ammortizzante con un’escursione di ben 2,5 pollici, ovvero 6,35 cm. Non molto, è vero, ma è quanto basta per assorbire le asperità quotidiane del terreno… soprattutto se avete la fortuna di guidare una moto del genere in California. Sullo stato delle strade italiche stendiamo un velo pietoso… roba da duri o da invertebrati, dipende dai punti di vista.
Un telaio realizzato a mano proprio per la Kyrgyz, studiato in ogni suo centimetro per ospitare al suo interno un Panhead da 80” di cilindrata che va in moto, come è giusto che sia, solo con un bel calcio in culo ovvero sul kickstart. Roba da duri, ve l’avevamo già detto, no?
Il telaio è una scultura di metallo che si arrotonda senza linee rette attorno al motore, ed a sua volta si fa abbracciare dalle sovrastrutture come il serbatoio, il parafango posteriore e il groviglio ordinato di tubi che altro non sono che la parte anteriore della moto. Che riprende lo stile delle forcelle springer ma stilizzandolo e rendendo il tutto decisamente più leggero sia per la moto che per l’occhio. Pure il manubrio riprende lo stile delle bmx degli anni d’oro ma con una chicca in più: l’innovativo sistema di frenata Kraus Twist Brake celato nelle manopole, eliminando così le classiche leve del freno anteriore e della frizione che su una moto del genere sarebbero risultati certamente come una nota stonata.
E’ una moto che riprende molto dallo stile giapponese, quel modo così semplice eppure conturbante di costruire una full custom. Non sembra certo una moto da decine di migliaia di dollari, eppure nulla ha da invidiare a quelle special costruite da aziende ben più blasonate e conosciute della Kraus Motor Co.
La verniciatura e le finiture nichelate del telaio contribuiscono a far la loro parte: non distogliere l’attenzione né dal motore né dal telaio, che sono i veri protagonisti di questa opera d’arte a due ruote. Eppure il serbatoio si permette un vezzo, una citazione al mondo misterioso ed antico dei samurai: ognuno dei cinque cerchi rappresenta uno degli elementi che servono per forgiare le loro spade, cioè terra, acqua, fuoco, vento e vuoto. Sono questi gli elementi che legano questa moto a chi la guida. L’essenza stessa dell’andare in moto, se ci pensate bene.
Per moto del genere è inutile iniziare uno sterile quanto inutile elenco delle modifiche effettuate e dei marchi che hanno contribuito alla sua realizzazione: ce ne sono ben pochi, tolto ad esempio S&S che fornisce il carburatore Super E, l’accensione Joe Hunt Magneto, la trasmissione a 4 marce Revtech, la primaria Primo Brute. Tutto il resto è opera di mister Kraus e dei suoi collaboratori compreso l’impianto di scarico di cui lasciamo a voi il piacere di immaginarne il suono.
Non è una moto per donnicciole, né tantomeno per coppie giovani con tanta voglia di percorrere chilometri insieme sulla stessa moto. Su questa non è previsto il sellino per il passeggero, e non potete nemmeno pensare di utilizzare una coperta piegata, a meno di non volervi liberare della vostra donna appena inserita la prima.
Scherzi a parte, probabilmente questa moto in tutta la sua vita percorrerà ben pochi chilometri: come è risaputo, noi ragazzi sbaviamo dietro le top-model, ma son poi le donne normali quelle che sposiamo o con cui ci fidanziamo. E la Kyrgyz è un po’ come una top-model: fa innamorare facilmente di sé, ma non ha le carte in regola per diventare la compagnia di tutti i giorni… a meno che l’unico tragitto che siete abituati a fare in moto è da casa al bar e viceversa.
Ciò non toglie che rimane pur sempre una gran, veramente, fottutamente bella moto.

Pubblicato in Harley Davidson
Pagina 1 di 27
Share on Myspace
***Annunci sponsorizzati***
Banner
Vuoi pubblicizzare la tua azienda? Contattaci per sapere come! info@kustomgarage.it

Accedi al sito

Kool Places

Federazione Italiana Customizer KustomGarage - THE Blog
Harley-Davidson-Logo  

Kustom News

Più di 80 piloti, due divisioni, un format entusiasmante per gli eventi, lotta serrata in pista e in classifica, Campionati e Trofei in palio, insieme a...
Carburatori AMAL Mk 1 ConcentricNelle vecchie fotografie di Harley Drag Bikes spesso si può notare che i collaudati carburatori Linkert erano stati...
Con la stagione 2014 della NASCAR Whelen Euro Series pronta a iniziare nel giro di sei settimane, l’elenco partenti comincia a prendere forma, in...
Un nuovo team austriaco fa il suo ingresso nella NASCAR Whelen Euro Series. DF1 Racing by B66 Raceconsulting schiererà in questa stagione due Chevrolet...
La NASCAR Whelen Euro Series e l’Autodromo di Magione hanno siglato un accordo per offrire, il 20 e il 21 settembre, il meglio delle corse americane in...

Submit Content

Submit-Button

Siamo sempre alla ricerca di contenuti, progetti, foto, video e storie interessanti sulle vostre due e quattro ruote.
Se hai qualcosa da condividere contattaci inviando una email.
Verrà citata la fonte della storia (ovviamente), e poi cosa c'è di meglio che mostrare ai tuoi amici che la tua storia è degna di KustomGarage Magazine?

Utenti online

Nessuno

Seguici su:

Seguici su Facebook! Twitter-bn GooglePlus-bn RSS-bn
Newsletter-bn Blogger-bn Seguici su Tumblr.! Follow Me on Pinterest
Il canale Youtube di KustomGarage Magazine Seguici su Instagram!

Languages

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Partners

V8 American Car Club
MotoCustom
La pagina dei Motoraduni
TeknoSelle
SPQR Moto
BCycles: bici custom!
Gallura Custom
Kustomrama - Traditional Rod&Kustom Wikipedia

Newsletter