Sei infastidito da alcuni messaggi nella SERP di Google per una ricerca per il tuo nome? Allora un appello al diritto all’oblio può offrire una soluzione.
Il diritto all’oblio fa ormai parte della vita quotidiana in Europa. Il motore di ricerca internet americano ha dovuto conformarsi a questa sentenza, e ora ha creato una pagina web dove le persone possono chiedere che certe ricerche vengano rimosse dalla loro cronologia. Perciò, se vuoi sapere come sbarazzarti per sempre dei tuoi dati personali sul web, continua a leggere questo nostro articolo.

I vantaggi di invocare il diritto all’oblio

Il diritto all’oblio fornisce un modo accessibile per sbarazzarsi di pubblicazioni indesiderate. Ad esempio, recensioni negative, condanne penali, fallimenti, revenge porn o dati sulle preferenze politiche.

In molti casi, i motori di ricerca (Google, Bing, Yahoo ecc.) devono bloccare determinati risultati visibili nelle loro SERP su richiesta. Il blocco si applica solo alle ricerche per nome del richiedente. Quindi i risultati rimangono trovabili con un’altra ricerca.

Tuttavia, il 95% di tutte le informazioni su internet viene reperito tramite motori di ricerca come Google, Bing e Yahoo. Dunque, bloccare un sito web significa che difficilmente viene più visitato. Inoltre, la maggior parte delle persone digita un nome quando cerca qualcuno. Quindi non importa se il sito web può ancora essere trovato utilizzando un altro termine. Il diritto all’oblio riduce così quasi completamente l’impatto di un messaggio negativo.

Il vantaggio del diritto all’oblio è che in linea di principio i motori di ricerca devono bloccare un risultato, a meno che non possano dimostrare la rilevanza di un sito web. Quindi è una procedura più semplice rispetto all’eliminazione di un sito web. Inoltre, alcuni risultati possono essere rimossi da Google, ma non dal sito web stesso. La procedura di dimenticanza è spesso notevolmente più breve ed economica rispetto alla scrittura al proprietario del sito web. Soprattutto se il titolare è anonimo, o se il sito è ospitato all’estero.

La possibilità di successo di una richiesta di diritto all’oblio dipende dalla base su cui si fa affidamento. Ecco perché devi cercare di essere sempre assistito da un professionista legale esperto.

La possibilità di successo del diritto all’oblio

Il diritto all’oblio nasce dalla causa del 2010 intentata dallo spagnolo Mario Costeja Gonzaléz contro Google. Il signor Costeja continuava a imbattersi in siti web di Google su un fallimento degli anni ’90. Secondo il signor Costeja, quei risultati non erano più pertinenti e quindi Google non era autorizzato a visualizzarli nei risultati di ricerca. Tuttavia, Google si rifiutò di rimuovere i risultati. Nel 2014 Costeja ha avuto ragione dalla Corte di Giustizia (ECJ), la più alta corte europea.

La Corte di giustizia stabilì che esisteva il diritto all’oblio. Cioè, un motore di ricerca deve bloccare i risultati di ricerca a meno che non vi sia un particolare interesse nella visualizzazione di tali risultati. Tale interesse speciale può consistere, ad esempio, nel diritto alla libertà di espressione o di informazione.

Il principio di base è quindi che una richiesta da dimenticare deve essere accolta, a meno che non vi sia un interesse particolare che faccia sì che il risultato della ricerca sia quello ricercato dall’utente. Tale importanza può derivare dal ruolo che la persona svolge nella società. Qualche esempio:

  • Vecchi risultati di ricerca possono essere rimossi più facilmente.
  • Informazioni sui minori possono essere rimosse più facilmente.
  • Condanne penali pesanti sono più difficili da rimuovere.
  • Informazioni su personaggi famosi possono essere più difficili da rimuovere.
  • Richiesta di diritto all’oblio di minori.

Motori di ricerca (Google, Bing e Yahoo)

Le richieste da dimenticare possono essere inviate dal tuo legale a Google. Sarà lui stesso a preparare una richiesta legale completa per questo, in cui discuterà la giurisprudenza pertinente, gli articoli di legge su cui fai affidamento, le circostanze rilevanti e, naturalmente, il tuo interesse per la privacy.

Autorità per i dati personali

Se il tuo ricorso al diritto all’oblio viene respinto dal responsabile del trattamento, puoi rivolgerti all’autorità italiana per la protezione dei dati. Tieni presente che devi presentare questo ricorso entro 6 settimane dal rifiuto da parte, ad esempio, di Google. Il Garante della Privacy gestirà il tuo ricorso sulla base delle linee guida e, se ti riterrà nel giusto, chiederà al responsabile del trattamento di riconsiderare il tuo caso.

Tribunale

Se la tua richiesta è stata respinta dal responsabile del trattamento e la mediazione non ha aiutato o se desideri saltare questo passaggio, puoi andare in tribunale avviando una procedura di petizione contro la tua controparte.

Redazione
La redazione di KustomGarage.it si occupa di nuove tecnologie & web, travel, salute, sport e tanto altro. Cerchiamo di fornire consigli utili ai nostri utenti e rendere la nostra passione, per la notizia e la scrittura, un qualcosa da poter condividere con tutti. Puoi contattarci tramite E-mail a: onlyredazione[@]gmail.com